Logo del Comune di Oristano

Comune di Oristano - sito web ufficiale

Sezioni principali del sito e Elenco Siti Tematici

Menu principale

Marine Oristanesi all’asta. Il bando scade il 14 giugno 2019

 02 05 2019    |     Scade il 14 06 2019

Tematiche: Bilancio e programmazione Economia, attività produttive e lavoro Lavori pubblici Turismo    |    Io sono: Cittadino Imprenditore

E’ stato pubblicato l’avviso di asta pubblica con il quale verranno cedute le quote della società Marine Oristanesi S.r.l. per la gestione del porticciolo di Torre Grande.

L’importo a base d’asta è di 300.000 euro e l’aggiudicazione della stessa comporterà la cessione dell’intero pacchetto di quote attualmente detenute, rispettivamente con l’86%, il 7% e il 7%, dal Comune di Oristano, dalla Sfirs e dal Circolo Nautico.

L'aggiudicazione avverrà in favore del soggetto che, in possesso dei requisiti richiesti, avrà offerto il prezzo più elevato rispetto a quello a base d'asta.

Possono concorrere all’asta persone fisiche, imprese, società ed enti privati, raggruppamenti temporanei che negli ultimi 5 anni abbiano esercitato comprovata attività nel settore della diportistica e/o della pesca continuativamente.

Le offerte dovranno essere presentate entro il 14 giugno alle ore 13. L’apposita commissione si riunirà il 18 giugno dalle 11 nella sala Giunta del Comune per l’apertura delle offerte e procedere all’aggiudicazione dell’asta.

La domanda di partecipazione e gli allegati specificati nel bando (Busta “A”) e l’offerta economica (Busta “B”), contenute in un unico plico, con la dicitura “NON APRIREASTA PUBBLICA PER LA CESSIONE UNITARIA IN UN UNICO LOTTO DEL CAPITALE SOCIALE DELLA SOCIETÀ MARINE ORISTANESI S.R.L. DI PROPRIETA’ DEL COMUNE DI ORISTANO, DELLA SFIRS SPA E DEL CIRCOLO NAUTICO – 2° ESPERIMENTO”

devono essere redatte esclusivamente in lingua italiana e recapitate al seguente indirizzo:

COMUNE DI ORISTANO – UFFICIO PROTOCOLLO – PIAZZA ELEONORA D’ARBOREA, 44 – 09170 ORISTANO.

Il plico unico deve essere sigillato con ceralacca o nastro adesivo non rimovibile, deve essere debitamente controfirmato su tutti i lembi di chiusura, in maniera tale da garantire l’integrità e la segretezza del contenuto e deve riportare le seguenti informazioni: l’indicazione del mittente: denominazione o ragione sociale, sede legale e partita IVA, telefono, indirizzo di posta elettronica certificata;

 

Sono ammessi tutti i tipi di spedizione e di consegna, compresa quella a mano, esclusivamente all'Ufficio Protocollo Generale del Comune di Oristano.

La Società Marine Oristanesi è una srl costituta il 29 giugno 1990 per la promozione di ogni attività volta alla realizzazione e alla gestione, nell’ambito della provincia di Oristano, di infrastrutture portuali, con relative attrezzature, destinate alla promozione del turismo e atte a favorire la pratica imprenditoriale della pesca. Dal 1999 detiene la concessione demaniale marittima per la gestione del porticciolo Sa Mardini.

La dismissione delle quote comunali è stata decisa dalla Giunta Tendas prima e dal Consiglio comunale poi nel 2015 e confermata più recentemente dalla Giunta Lutzu.
La Sfirs ha preso analoga decisione nel 2017 e il Circolo nautico nello scorso mese di agosto 2018, confermando entrambe tale volontà nel 2019.

Il Bando per la cessione delle quote della Società Marine Oristanesi è stato pubblicato la prima volta nel 2018, ma l’asta in argomento è andata deserta.

Nella valutazione delle Marine oristanesi è stato considerato che la società ha chiuso gli ultimi tre esercizi con i patrimonio netto in attivo e con utile di esercizio nel 2017 di 25 mila 898 euro.

Di grande importanza il finanziamento di 5 milioni 520 mila euro concesso dalla Regione per la realizzazione dei lavori di riqualificazione e potenziamento della struttura.

 Il progetto approvato dalla Giunta Lutzu prevede la realizzazione di impianti di raccolta delle acque piovane, l’impianto antincendio, la sostituzione dei pontili, la realizzazione di piazzole e di aree per il porto a secco.

Si tratta di strutture di stivaggio di imbarcazioni che vengono movimentate al momento del bisogno mediante potenti muletti in grado di spostare un’imbarcazione in pochi minuti.

Buona parte delle somme a disposizione serviranno alla realizzazione di un intervento pilota di scavo che serva anche per orientare le scelte future per il dragaggio definitivo e complessivo.

Verranno eseguite le opere di riqualificazione del porto esistente ed un intervento di escavo per complessivi 13 mila metri cubi.

Successivamente la RAS, in attuazione della “Programmazione Territoriale”, a gennaio 2019 ha approvato il Progetto di Sviluppo Territoriale “Viaggio nella terra dei Giganti”, presentato dal partenariato composto dal Comune di Oristano e dall’Unione dei Comuni Sinis Terra dei Giganti, dove tra gli interventi finanziati è inserita un’azione denominata “Torregrande Sostenibile” dell’importo di 5 milioni 700 mila euro e 600 mila euro, che prevede la creazione di un sistema di mobilità che interconnette la foce del Fiume Tirso con il porticciolo di Torregrande e con gli attrattori ambientali e culturali dell’Unione dei Comuni del Sinis Terra dei Giganti.

Oggi i due bacini del porticciolo ospitano circa 400 imbarcazioni da diporto turistico e oltre 100 per la pesca.

 

Il presente bando è pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Oristano: www.comune.oristano.it, sezione dedicata SERVIZI per cittadini, imprese e pa/ Atti, documenti e modulistica/Altri bandi e avvisi / 2019 – Cessione quote Partecipate,

 

Allegati

Home  |   Contatti  |   Mappa  |   Link consigliati  |   RSS  |   Accessibilità  |   Area riservata  |   Note legali  |   Privacy  |   Credits                  ConsulMedia 2014