Logo del Comune di Oristano

Comune di Oristano - sito web ufficiale

Sezioni principali del sito e Elenco Siti Tematici

Menu principale

Housing sociale - Avviato il confronto con il Comitato di San Nicola

  04 04 2019    |    Tematiche: Casa e urbanistica Vita di città    |    Io sono: Cittadino

Doveva essere un incontro per ascoltare le ragioni del Comitato e per chiarire eventuali dubbi e così è stato.

Questo pomeriggio il Sindaco Andrea Lutzu e l’Assessore all’Urbanistica del Comune di Oristano Gianfranco Sedda, insieme al Presidente del Consiglio comunale Antonio Franceschi e al dirigente tecnico Giuseppe Pinna, hanno incontrato una delegazione del Comitato spontaneo che si oppone al progetto di housing sociale che la società Kampas intende realizzare nel quartiere di San Nicola.

"Credo si sia fatto qualche passo avanti, almeno nella presa di coscienza della realtà delle cose” ha detto il Sindaco Lutzu al termine dell’incontro.

Le ragioni del Comitato sono state preliminarmente illustrate dal portavoce, Cristina Denti, secondo cui “in questo intervento si ravvisano elementi che vanno a incidere troppo pesantemente sul quartiere, ma anche qualcosa che incide sulla legittimità. Si prevede un intervento di housing sociale in una zona che non è dedicata all’housing sociale. Un numero così alto di appartamenti comporterebbe inoltre un grosso aumento del traffico nel quartiere. Non siamo d’accordo neanche con l’idea della compensazione a favore del Comune più che della cessione delle superfici”.

“Non siamo il Comitato del NO, ma è evidente che quei palazzi, costruiti in questo modo avrebbero un impatto devastante per il quartiere – ha aggiunto un altro componente del comitato, Luigi Niedda -. Chiediamo solo che, se si vuole realmente costruire, si realizzi un insediamento meno impattante sul quartiere”.

Il Sindaco Lutzu e l’Assessore Sedda hanno spiegato che la società Kampas, che propone l’intervento, avrebbe la facoltà di realizzare un intervento di 30 mila metri cubi su un’area di 6 mila metri quadrati che risulterebbe molto più impattante di quello che si sta discutendo e che prevede sì una cubatura di 39 mila metri cubi, ma su una superficie (10 mila metri quadrati) assai più ampia e quindi meglio spalmato e con effetti meno aggressivi sulla zona. In questo caso l’indice di edificabilità sarebbe di 3,9 metri cubi a metro quadro contro 5 metri cubi a metro quadro. In cambio dell’aumento di cubatura la Kampas cederebbe al Comune quattro appartamenti di edilizia residenziale pubblica e realizzerebbe altre opere a beneficio del quartiere: “Su queste credo si potrebbe intavolare un proficuo confronto per capire quali potrebbero essere le opere più utili per i residenti a San Nicola – ha detto il Sindaco Lutzu -. Non abbiamo strumenti però per opporci alla realizzazione dell’intervento di un privato se questo rientra nei parametri previsti dalle normative e dal Piano urbanistico comunale”.

“È bene sapere anche che l’area oggetto dell’intervento in base al PUC potrebbe ospitare una volumetria di 50 mila metri cubi, molto più alta di quella di cui si parla in queste settimane – ha aggiunto l’Assessore Sedda -. Sul concetto di housing sociale occorre forse fare un po’ di chiarezza. Sono interventi di edilizia sociale che vogliano favorire l’immissione sul mercato di alloggi a un costo moderato che nulla hanno a che fare con le volumetrie”.

Relativamente alla legittimità urbanistica della delibera, sollevato dal Comitato, il Sindaco ha precisato che per maggiore trasparenza e chiarezza la proposta di delibera quando tornerà all’esame del Consiglio comunale sarà accompagnata da una variante al PUC.

“Invitiamo il comitato a formulare una eventuale proposta che sia migliorativa e accettabile da chi dovrà realizzare l’intervento” ha detto il Sindaco Lutzu chiudendo la riunione e rimandando tutti a un nuovo incontro questa volta aperto anche alla Commissione urbanistica, come chiesto dal comitato.

Home  |   Contatti  |   Mappa  |   Link consigliati  |   RSS  |   Accessibilità  |   Area riservata  |   Note legali  |   Privacy  |   Credits                  ConsulMedia 2014