Logo del Comune di Oristano

Comune di Oristano - sito web ufficiale

Sezioni principali del sito e Elenco Siti Tematici

Menu principale

Il Consiglio comunale approva il bilancio di previsione 2018

  14 03 2018    |    Tematiche: Bilancio e programmazione    |    Io sono: Cittadino

Con 14 voti a favore, 4 contrari e 4 astenuti, il Consiglio comunale di Oristano ha approvato il bilancio di previsione 2018.

Dopo l’illustrazione della Giunta, il bilancio (con il documento unico di programmazione e il triennale 2018-2020) ieri sera è stato discusso e infine votato dall’assemblea civica che lo ha approvato a maggioranza. I 4 voti contrari sono stati quelli di Patrizia Cadau (Cinquestelle), Francesco Federico (indipendente), Maria Obinu ed Efisio Sanna (PD). I 4 astenuti Monica Masia (Sport, salute, volontariato, natura), Vincenzo Pecoraro (Partito dei sardi), Giuseppe Puddu (UDC) e Annamaria Uras (Coraggio e libertà – Insieme).

Il primo intervento è stato quello del Presidente della Commissione Bilancio Angelo Angioi (Forza Italia) che si è soffermato sulle novità introdotte con il bilancio armonizzato e poi ha sottolineato l’impegno per la soluzione del problema degli usi civici: “Ci avviamo verso la definizione di un problema vecchio di molti anni che pesa come una spada di Damocle sul Comune e sui cittadini che hanno costruito sui terreni che ne sono gravati. Non seguiamo più la strada della sclassificazione, ma procediamo con il trasferimento dell’uso civico su altre aree”. Angioi ha ricordato altre partite aperte come quella con Abbanoa e quella sui derivati, l’impegno sul personale evidenziando il fatto che sono molti i dipendenti prossimi alla pensione che non potranno essere sostituiti. Infine, ha evidenziato l’importanza dello strumento del bilancio partecipato che mette a disposizione 100 mila euro per la programmazione di interventi pubblici con le idee dei cittadini auspicando la rapida approvazione di un regolamento che ne disciplini l’impiego.

Per Patrizia Cadau (Cinquestelle) “il bilancio presentato dall’esecutivo è un documento fumoso, in parte ereditato dalla Giunta precedente. Un bilancio incerto, con coperture affidate alle alienazioni che sono un po’ come affidarsi alle probabilità del Monopoli. Manca una visione politica, manca l’impronta della Giunta Lutzu, una volontà di cambiamento, un’idea di sviluppo e progresso”. Il consigliere pentastellato ha chiesto la realizzazione di un parco acquatico a Torre Grande e per il bilancio partecipato ha proposto le consultazioni on line.

Secondo Vincenzo Pecoraro (PDS) il bilancio è formalmente corretto, ma non sufficiente per il rilancio della città: “In questo momento bisogna avere coraggio e concretezza, lo chiedono i cittadini e le attività produttive. Oristano ha bisogno di produrre ricchezza, i commercianti vanno convocati e ascoltati, dando loro il giusto ruolo tutto l’anno e non solo quando ci sono i tributi da pagare. Nel periodo natalizio, per il Settembre oristanese e durante la Sartiglia subiscono gli attacchi economici e a volte i soprusi di chi, temporaneamente, senza rischi e senza controlli mette in saccoccia i facili guadagni dei giorni di festa. Che ruolo hanno gli hobbysti, se non quello di abbruttire le piazze con prodotti di orrenda fattura trasformando il centro città in una succursale per la vendita di prodotti made in Cina”.

Maria Obinu (PD): “In questo bilancio non vedo la vostra impronta e non vedo un cambio di passo”. Il consigliere del PD ha evidenziato i ritardi sui fondi per le due nuove sezioni dell’asilo nido, chiesto spiegazioni sui ritardi nell’assegnazione degli alloggi di via Palmas e contestato la scelta di via Laconi per le casette di legno per le emergenze abitative. E poi: “Che fine ha fatto il progetto per l’agricoltura sociale e quello per il Centro per la famiglia, le adozioni e l’affido, ma anche la nuova gara per il Centro antiviolenza e cosa si vuole fare per rilanciare la Fondazione Sartiglia?”.

Giuseppe Puddu (UDC): “Ho assistito a una Presentazione del bilancio senza enfasi e forza. A 9 mesi dall’insediamento traspare un’amministrazione esanime, spero che il Sindaco riesca a sopperire alle lacune palesate. Il fare e il vostro programmare non corrispondo a ciò che avete proclamato. Avevamo grandi aspettative, ma abbiamo constatato grande inconsistenza della squadra del Sindaco e un bilancio lacunoso e deludente”. Puddu ha lamentato la mancanza della giusta programmazione per i mercati cittadini e il blocco dei lavori di ristrutturazione di quello di via Mazzini e denunciato l’insofferenza del personale comunale che aveva grandi aspettative da questa amministrazione, ma che ancora non ha ricevuto le risposte che attendeva.

Efisio Sanna (PD) ha evidenziato le croniche difficoltà dell’ente nella lotta all’evasione e nella riscossione dei tributi. “Questo – ha detto è un bilancio semplice semplice che manifesta insufficienza politica. In questo bilancio non si rileva, un cuore, una linea, un’anima. Questo è il bilancio delle perplessità. Non nascondetevi dietro scuse e decidete cosa volete fare sulla circonvallazione, dite cosa è successo al mercato civico e al Piano urbano della mobilità. Ci sono errori sostanziali nel Piano delle opere pubbliche sia per quanto riguarda le cifre e non può essere votato così”.

L’indipendente Francesco Federico ha lamentato la mancanza di un’impronta capace di caratterizzare la nuova amministrazione. Ha poi denunciato i ritardi nell’entrata in esercizio della Rete MAN e la necessità di dotare l’ente di un sistema informativo adeguato capace di garantire la giusta partecipazione e trasparenza. Infine, ha sottolineato i problemi legati alle manutenzioni pubbliche (illuminazione e strade).

Anna Maria Uras (Coraggio e libertà – Insieme) ha auspicato la massima partecipazione dei cittadini alle scelte dell’ente soprattutto per la programmazione territoriale e Davide Tatti (Fortza Paris) ha chiesto l’impegno dell’ente per il corpo di Polizia Municipale la cui azione è fortemente condizionata dai limiti dell’organico.

Nella replica l’Assessore al Bilancio Massimiliano Sanna ha voluto evidenziare l’importanza del bilancio partecipato quale strumento attraverso il quale far partecipare la cittadinanza alle scelte dell’ente: “È una scelta che comporta sacrifici, ma nella quale crediamo per dare ai cittadini la possibilità di scegliere insieme a noi”. Rispondendo alle sollecitazioni dei consiglieri ha ricordato gli impegni sull’arredo urbano e sul progetto Oristano città museo “in linea e in continuità con quanto aveva programmato la precedente amministrazione”.
“Stiamo lavorando al trasferimento della Scuola civica di musica - ha detto -. L’immobile di via Palmas, non è ancora di proprietà del Comune, lo diventerà a fine marzo e solo dopo si potranno assegnare gli alloggi a chi ne ha diritto”

Il Sindaco Andrea Lutzu ha apprezzato il dibattito che ha accompagnato il bilancio: “Credo che oltre alla critica ci sia stato anche spazio a interventi costruttivi. Credo che in questi mesi si sia lavorato duramente e i risultati si stanno iniziando a vedere. Ma i conti li faremo alla fine quando potremo valutare compiutamente quanto stiamo facendo: la Programmazione territoriale che da sola vale una legislatura, ma anche riaprire il teatro, il rilancio del porticciolo e l’impegno sul turismo crocieristico”.

In apertura di seduta, su proposta dell’Assessore Federica Pinna, il Consiglio comunale, con 19 voti a favore, h approvato la delibera per la definizione delle tariffe per le attività che la Polizia Municipale deve svolgere per garantire servizi in occasione di iniziative private che, per un migliore e più ordinato svolgimento, richiedano la presenza di personale di vigilanza.

Home  |   Contatti  |   Mappa  |   Link consigliati  |   RSS  |   Area riservata  |   Note legali  |   Privacy  |   Credits                  ConsulMedia 2014