Logo del Comune di Oristano

Comune di Oristano - sito web ufficiale

Sezioni principali del sito e Elenco Siti Tematici

Menu principale

In via Carpaccio apre la quarta casa dell'acqua

  16 02 2017    |    Tematiche: Ambiente e decoro urbano Lavori pubblici Vita di città    |    Io sono: Cittadino

Sabato 18 febbraio apre a Oristano la quarta casa dell’acqua.

L’inaugurazione, con l’entrata in funzione del servizio, la distribuzione gratuita di acqua e la vendita delle tessere per l’acquisto, è fissata per le 11, in via Carpaccio angolo via Repubblica.

Con l’apertura della struttura sono 4 le case dell’acqua aperte dalla Giunta Tendas in città negli ultimi mesi. Da metà dicembre le strutture di Silì, Torangius e Sacro Cuore, gestite per conto del Comune dalla cooperativa L’ideale di Mogoro, hanno fornito 84 mila litri di acqua, con una media quotidiana di oltre 1350 litri. L’impianto che ha risposto meglio alle attese è quello di Torangius che ha distribuito 35 mila litri di acqua, segue il Sacro Cuore con 33 mili e Silì con 16 mila.

L’entrata in funzione delle prime tre case dell’acqua ha consentito di ridurre la produzione di rifiuti per 2239 chili, immettendo in circolazione 56 mila bottiglie di plastica in meno e riducendo di 11 mila 254 chili l’immissione in atmosfera di anidride carbonica. Il risparmio calcolato per i cittadini è stato di 12 mila 600 euro.

“A due soli mesi dall’avvio del servizio ci sembrano risultati importanti – spiegano il Sindaco Tendas e l’Assessore Sanna -. In linea con gli obiettivi che ci eravamo posti già durante la campagna elettorale nel 2012 e più in generale con l’azione che abbiamo sempre portato avanti in questi anni in tema di rispetto dell’ambiente: riduzione dei rifiuti, valorizzazione di pratiche ecocompatibili e sostenibili, risparmio per i cittadini”.

“Con la quarta casa dell’acqua, quella di Sa Rodia, contiamo di migliorare ulteriormente i risultati fin qui ottenuti offrendo questo importante servizio a un’altra importante fetta di popolazione che abita nella zona di Sa Rodia – prosegue l’Assessore Sanna -. Siamo soddisfatti per la risposta dei cittadini che hanno apprezzato questo importante servizio”.

Gli impianti forniscono acqua naturale, refrigerata e frizzante. L’acqua proviene dall’acquedotto comunale, ma prima di essere erogata viene sottoposta a un processo di microfiltrazione per rimuovere il cloro, sterilizzarla e raffreddarla. L’acqua gassata sarà addizionata con anidride carbonica. I punti di erogazione sono in acciaio inox e a ogni utilizzo vengono sterilizzati. Ogni Casa dell’acqua può fornire 1.500 litri di acqua al giorno, contribuendo al risparmio di 1000 bottiglie di plastica al giorno, 365 mila all’anno pari a 14 mila 600 chili di rifiuti plastici non prodotti ogni anno. L’ambiente trae un beneficio anche dalla mancata immissione in atmosfera di 76 mila 360 chili di anidride carbonica. L’Italia ha il record mondiale di consumo di acqua in bottiglia. Mediamente ogni cittadino ne utilizza 135 all’anno per un totale di 300 mila tonnellate di consumo nazionale annuo. A Oristano il risparmio potrà arrivare a circa 100 tonnellate di plastica.

Gli oristanesi potranno acquistare l’acqua al costo di 5 centesimi a litro. Il prezzo rimarrà invariato per almeno 3 anni. Il pagamento potrà essere effettuato con monete o con una tessera prepagata, mentre la quantità di erogazione programmabile sarà di 0,1 – 0,5 – 1 – 1,5 – 2 litri. Le tessere sono in vendita nei pressi della Case dell’acqua: nell’edicola Mura in via Carnia, nell’edicola Edierre in via Repubblica, nell’edicola Portas in via Carbonia e nell’edicola Zoncheddu in via Adua a Silì.

La cooperativa che gestisce il servizio verserà al Comune il 9% dei ricavi e 4000 Euro per l’occupazione dell’area pubblica. Dovrà inoltre curare la pulizia dei punti di erogazione e delle aree di pertinenza, delle pareti, la sostituzione dei filtri e la sanificazione circuiti idraulici, i rifornimenti di anidride carbonica alimentare, la sanificazione dei circuiti dell’acqua e di tutte le parti a contatto con l’acqua e le analisi batteriologiche. Le analisi chimico-fisiche e microbiologiche dovranno essere garantite con cadenza trimestrale.

Home  |   Contatti  |   Mappa  |   Link consigliati  |   RSS  |   Area riservata  |   Note legali  |   Privacy  |   Credits                  ConsulMedia 2014