Logo del Comune di Oristano

Comune di Oristano - sito web ufficiale

Sezioni principali del sito e Elenco Siti Tematici

Menu principale

Le istituzioni chiedono il potenziamento del porto di Oristano

  20 04 2019    |    Tematiche: Economia, attività produttive e lavoro Istituzioni    |    Io sono: Cittadino

Consorzio industriale provinciale oristanese, Provincia di Oristano, Camera di commercio di Oristano, Comuni di Oristano e Santa Giusta hanno approvato, ciascuno nel proprio organismo deliberativo, un documento indirizzato al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, alla Regione e al Sistema portuale della Sardegna con tre precise richieste per il rilancio del porto industriale

Le richieste del territorio sono state illustrate nel corso di una conferenza stampa dal presidente del Consorzio industriale Massimiliano Daga insieme al Sindaco di Oristano Andrea Lutzu, al commissario della Provincia Massimo Torrente (accompagnato dalla dirigente Anna Paola Iacuzzi), al presidente della Camera di commercio Nando Faedda e al Sindaco di Santa Giusta Antonello Figus, presente anche il direttore generale del Consorzio industriale Marcello Siddu.

La prima richiesta è rivolta a Regione e Ministero per l'inserimento del porto di Oristano nella rete transeuropea Rete TEN – T: "Il mancato inserimento nella rete - ha evidenziato il presidente Massimiliano Daga - comporta l’impossibilità di accedere alle risorse comunitarie sia per gli enti pubblici e sia per le imprese che intendono operare nell’agglomerato.  

La seconda richiesta, invece, è la riproposizione di un’istanza già avanzata: l’inserimento del porto nel piano dei trasporti della Regione non solo come scalo per le merci alla rinfusa, ma anche come scalo crocieristico e quale scalo abilitato al traffico del metano liquido, il GNL. La richiesta riparte da Oristano, ha spiegato ancora il presidente Daga, in quanto la precedente giunta regionale è andata via senza varare il piano dei trasporti.

Infine la terza richiesta, al Sistema portuale della Sardegna, per il finanziamento del progetto del Consorzio industriale per la realizzazione di una nuova area nel porto da destinare proprio all’attività crocieristica. Oristano si candida ad avere almeno i 20 milioni di euro che servono per questa iniziativa.

Il sindaco di Santa Giusta Antonello Figus ha evidenziato come l’istanza alla Regione di inserimento del porto quale scalo in grado di far attraccare le navi da crociera arrivi al momento giusto, perché la nuova giunta si sta insediando. Figus ha parlato di navi da 1500/2000 crocieristi.

Il commissario della Provincia di Oristano, Massimo Torrente, ha plauso alla continuità che il Consorzio industriale oristanese sta dando nel percorso di programmazione partito con i progetti per i depositi del gas e che adesso prosegue proprio col piano finalizzato a inserire il porto negli itinerari dei grandi gruppi del settore crocieristico.

Nando Faedda, presidente della Camera di commercio di Oristano, ha ricordato come il mancato inserimento del porto nella rete europea abbia comportato il mancato accesso alle risorse comunitarie per una delle aziende impegnate nell’agglomerato con i nuovi depositi del metano liquido. Faedda ha manifestato la necessità che il porto oristanese abbia un’operatività a 360 gradi e non più e non solo limitata alle sole merci alla rinfusa, in modo tale da creare occasioni di sviluppo e opportunità di lavoro.

Infine, il sindaco di Oristano Andrea Lutzu ha voluto rimarcare l’unità di intenti registrata tra gli enti del territori sperimentata con successo anche nella programmazione territoriale. Lutzu ha accreditato il Comune di Oristano come punto di riferimento in questo sistema di collaborazione e ha auspicato che l’iniziativa dedicata al potenziamento del orto possa essere condivisa anche con altri enti e associazioni.

Home  |   Contatti  |   Mappa  |   Link consigliati  |   RSS  |   Accessibilità  |   Area riservata  |   Note legali  |   Privacy  |   Credits                  ConsulMedia 2014