Logo del Comune di Oristano

Comune di Oristano - sito web ufficiale

Sezioni principali del sito e Elenco Siti Tematici

Menu principale

Collegati i primi 2 chilometri del nuovo acquedotto di Oristano

  12 02 2019    |    Tematiche: Ambiente e decoro urbano Lavori pubblici    |    Io sono: Cittadino

Tre fronti di scavo in contemporanea per completare l'opera in tempi record, l'80 per cento delle opere già completate e oggi il collegamento dei primi 2 chilometri di condotte. Vanno avanti a tappe forzate i lavori per realizzare 15 chilometri di nuovo acquedotto di Oristano mandando in pensione la vecchia condotta colabrodo. L'investimento è di quattro milioni di euro stanziati dalla Regione tramite il Mutuo destinato alle infrastrutture. L'intervento è realizzato dall'impresa sarda Ser.Lu. che, tra le proposte migliorative presentate per aggiudicarsi l'appalto aveva puntato anche sull'accelerazione dei tempi di realizzazione: dai 270 giorni messi a  base di gara, la ditta aveva preventivato di completare l'opera in 100 giorni lavorativi con diversi fronti di scavo che stanno operando in contemporanea.

I tempi record
I lavori per terminare tutti i 15 chilometri saranno completati entro i primi di aprile. Le continue criticità legate alle condizioni precarie del vecchio acquedotto hanno reso necessario procedere in tempi rapidi alle attivazioni dei tratti via via operativi. Oggi i tecnici del Gestore e dell'impresa incaricate stanno procedendo con i primi 2 chilometri tra Bonarcado e Milis. Le operazioni sono iniziate questa mattina all'alba e saranno completate nel pomeriggio. L'erogazione all'utenza, durante le fasi di lavorazione, sarà comunque garantita dalle scorte nei serbatoi.

Opera fondamentale 
I quindici chilometri di nuova condotta si aggiungono ai quattro sostituiti all'inizio dell'anno scorso. L'acquedotto è alimentato dalle sorgenti di Bau Nou e Santu Miali e garantisce l'approvvigionamento idrico di Oristano e frazioni, Siamaggiore, Solarussa, Tramatza, Bauladu, Milis e Bonarcado. Il vecchio acquedotto era stato realizzato nel '71 in cemento amianto e ormai da anni mostra tutta la sua inadeguatezza e vetustà. Non si contano più gli interventi di riparazione che le squadre di Abbanoa hanno effettuato per garantire il servizio: il tasso di dispersione è tra il 35 e 40 per cento. Le nuove condotte saranno realizzate in ghisa sferoidale, materiale più resistente che garantisce la migliore tenuta.

Sistema integrato 
La realizzazione del nuovo acquedotto garantirà l'approvvigionamento dalle sorgenti, ma per l'Oristanese si sta portando avanti la realizzazione di un sistema integrato che farà perno sul nuovo potabilizzatore di Silì: un'opera fondamentale già appaltata da Abbanoa con un investimento di 9 milioni di euro i cui lavori inizieranno a breve. Nei periodi di scarsità di risorsa o eccessiva torbidità delle acque provenienti dalle sorgenti, l'impianto potrà essere alimentato dalla diga Cantoniera sul fiume Tirso.

Pozzi "salati" 
La città di Oristano registra da tempo una forte criticità: i pozzi locali registrano livelli crescenti soprattutto di cloruri e di conseguenza l'acqua è sempre più salmastra. Per questo motivo è necessario miscelare la risorsa prelevata con acqua di qualità che sarà garantita dal potabilizzatore di Silì che a sua volta potrà utilizzare acqua di sorgente o, in base alle necessità, dell'invaso sul Tirso in base alle disponibilità.

Home  |   Contatti  |   Mappa  |   Link consigliati  |   RSS  |   Accessibilità  |   Area riservata  |   Note legali  |   Privacy  |   Credits                  ConsulMedia 2014